Pensioni: più soldi al mese ma attenzione alla sospensione

Il cedolino pensione di ottobre è ricco di novità con soldi in più, ma potrebbero esserci anche amare sorprese per i pensionati che non hanno effettuato una comunicazione importante. 

Pensioni più soldi al mese ma attenzione alla sospensione
Pensioni più soldi al mese

Continua il calendario delle pensioni INPS di ottobre in questa settimana, iniziato il 27 settembre e terminerà il primo ottobre. Ma molti pensionati si stupiranno dell’importo che riceveranno. Infatti, sul cedolino di ottobre saranno effettuate trattenute e conguagli, ma anche sospensioni nel caso in cui, il pensionato non abbia inviato per tempo la comunicazione redditi.

Pensioni più soldi al mese ma attenzione alla sospensione

Il cedolino del mese di ottobre si presenta con tantissime variazioni, a livello di trattenute saranno inserite le seguenti voci:

a) IRPEF mensile;

b) rate addizionali comunali e regionali relative all’anno 2020;

c) addizionale comunale relativa all’anno in corso (l’addizionale sarà presente nel cedolino fino a novembre 2021);

d) ritenuta IRPEF per l’anno 2020, nel momento in cui siano state effettuate per un valore minore rispetto a quanto dovuto sulle pensioni fino a 18.000 euro.

Un cedolino più ricco per effetto della maggiorazione Assegno per il Nucleo Familiare (ANF) che sarà corrisposta anche sulle pensioni di ottobre, se dovuta.

Poi, le pensioni pubbliche per i grandi invalidi, nel cedolino di ottobre troveranno l’assegno sostitutivo dell’accompagnatore militare che sarà erogato fino a dicembre 2021. Pensione invalidità dal 75% al 100%: quanto è importante il bonus sui contributi

Inoltre, proseguono le operazione di assistenza fiscale, anche sulla mensilità di ottobre. Si tratta delle operazioni di conguaglio dei modelli 730 per i pensionanti che, in sede di dichiarazione, hanno optato per sostituto di imposta l’INPS. È possibile consultare, tramite l’app My INPS mobile, le risultanze contabili della dichiarazione dei redditi in merito a rimborsi o somme trattenute nel cedolino pensione.

I pensionati che non hanno ricevute le mensilità di agosto e settembre 2021, per mancanza della comunicazione del reddito (collegate al reddito del 2017 e 2018), riceveranno nel cedolino di ottobre la restituzione delle somme trattenute.

LEGGI ANCHE>>>Attenzione alla pensione INPS, si rischia di perdere l’assegno: l’ultimo giorno

Attenzione alla sospensione

I pensionati che sono tenuti alla presentazione del modello RED (comunicazione del reddito), coloro che non lo hanno presentato rischiano prima la sospensione e  poi la revoca definitiva. Infatti, l’INPS procede con la sospensione della pensione per circa sessanta giorni. Se il pensionato entro questo lasso di tempo non presenta il modello RED, l’INPS procede con la revoca definitiva della prestazione economica.

Consigliamo a tutti coloro che si trovano in questa situazione di rivolgersi il primo possibile ad un patronato, o contattare direttamente l’INPS tramite contact center al numero 803 164 per chi chiama da rete fissa, oppure,  06 164 164 per chi chiama da rete mobile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *