Prestiti in Bitcoin e criptovalute: conviene davvero?

Prestiti in Bitcoin e criptovalute: la rapida diffusione del bitcoin e delle altre valute digitali come classe di attività offre agli investitori una serie di opzioni nuove. L’utilizzo di questi asset digitali come garanzia per prestiti direttamente collegati al loro valore sottostante è una di queste nuove e peculiari applicazioni.

Gli investitori possono ottenere fondi per coprire le loro esigenze immediate con prestiti in bitcoin e criptovalute, mantenendo il potenziale guadagno sulle criptovalute possedute. I miliardi di dollari persi dagli investitori in criptovalute nel 2022 quando hanno prestato beni alle piattaforme di prestito di criptovalute, tuttavia, dimostrano che questi prestiti non sono privi di pericoli.

prestiti criptovalute
Adobe Stock

Vedremo a breve come funzionano i prestiti in criptovalute e quali sono gli vantaggi e gli svantaggi dei prestiti in criptovaluta, così come le alternative disponibili e le risposte alle domande più frequenti, saranno spiegati ai lettori. In primo luogo, esaminiamo alcuni motivi tipici che spingono gli investitori a pensare di ottenere un prestito in criptovalute.

Perché richiedere un prestito in criptovalute

Un prestito garantito da bitcoin è preferibile per una serie di motivi. Il più evidente è che gli investitori possono ottenere denaro contante senza dover vendere le loro proprietà in bitcoin. Le persone possono richiedere prestiti con le loro criptovalute per coprire spese importanti come il rimborso di un mutuo o l’acquisto di un’auto.

Alcuni potrebbero utilizzare un prestito in bitcoin per rafforzare la propria posizione e acquistare altre criptovalute. Un investitore può, ad esempio, prendere in prestito dollari USA pari al 20% del proprio patrimonio in criptovalute e utilizzare il denaro per acquistare altri bitcoin.

Se tutto va bene, l’investitore può utilizzare i guadagni realizzati per ripagare il prestito originale e conservare l’importo rimanente come profitto. Potrebbero però subire delle perdite se le attività collaterali perdono una quantità significativa di valore mentre il prestito è in corso.

Gli investitori possono accedere a una linea di credito con un prestito in criptovaluta senza dover effettuare alcun pagamento. Il fatto che diverse società decentralizzate e centralizzate con offerte di prestiti in criptovaluta abbiano attirato una notevole base di utenti per questi prestiti diventa quindi prevedibile.

Quali tipi di prestiti con criptovalute sono disponibili

I prodotti di prestito per le criptovalute possono avere diverse forme e impiegare una serie di strategie commerciali per far guadagnare l’azienda che li offre. I prestiti in criptovalute possono essere classificati in due tipi: decentralizzati e centralizzati.

I prestiti per la finanza centralizzata, o prestiti CeFi, sono forniti da organizzazioni centralizzate, come suggerisce il nome. Una caratteristica importante è che quando gli investitori depositano i beni garantiti sulla piattaforma, perdono la proprietà della garanzia. In cambio ottengono una linea di credito e possono prendere in prestito denaro a fronte del loro capitale. I clienti che utilizzano una piattaforma di prestiti CeFi devono fare i conti con il notevole inconveniente di non poter vedere come il prestatore utilizza gli asset depositati. Per avere la garanzia di poter ritirare il proprio denaro ogni volta che lo desiderano, gli utenti devono avere fiducia nel fatto che la piattaforma aderisca alle più alte linee guida di sicurezza e di gestione del rischio.

Prestiti in criptovalute per la finanza decentralizzata (DeFi)

I prestiti DeFi sono essenzialmente diversi dai prestiti CeFi in quanto le garanzie presentate non sono gestite da terzi. Piuttosto, il denaro è conservato in contratti intelligenti autogestiti che sono fatti per gestire compiti come la creazione di rendimenti, la liquidazione e la messa in comune degli asset degli utenti.

I prestiti DeFi sono preferiti per la loro apertura e per il fatto che, se costruiti correttamente, i protocolli sottostanti sono codici informatici difficili da alterare. Inoltre, una parte considerevole dei prestiti è sovracollateralizzata, riducendo le possibilità di inadempienza. Le posizioni degli utenti vengono chiuse automaticamente dal protocollo quando scendono al di sotto della soglia prestabilita.

I siti di prestito DeFi presentano tuttavia dei rischi particolari. Prima di utilizzare una piattaforma di prestito di bitcoin o criptovalute, gli utenti devono conoscere e valutare questi rischi.

Quali sono i rischi associati ai prestiti in criptovalute

I prestiti in criptovaluta comportano una serie di pericoli. I potenziali utenti potrebbero pensare al valore intrinseco dell’asset collaterale, al modo in cui l’azienda effettua il pagamento degli interessi ai clienti, ai requisiti di garanzia e ai rischi associati alla tecnologia.

Rischio dei gettoni: Poiché la maggior parte degli asset digitali è volatile, questo è il rischio principale associato alla sottoscrizione di un prestito in criptovaluta. Se il token sottostante non ha valore e rimane in una tendenza al ribasso per un periodo di tempo considerevole, il rischio peggiora. Un utente di questi token potrebbe essere costretto a liquidare il proprio investimento se eventi sfavorevoli, come un’interruzione della rete o una falla nella sicurezza, causano un forte calo del valore dell’asset collaterale. Il miglior asset collaterale è l’ether (ETH), mentre il token più sicuro si pensa sia il bitcoin (BTC). In caso di crollo del mercato, la curva di rischio aumenta notevolmente, con altre criptovalute che potrebbero subire perdite maggiori.

Rischio di controparte:Al fine di fornire ai clienti un profitto, un gran numero di piattaforme di prestito di criptovalute, in particolare quelle centralizzate, assumono un notevole rischio di controparte. Queste aziende di solito prestano i beni dei loro clienti a investitori istituzionali, hedge fund, quants, trader ad alto volume e occasionalmente a investitori regolari che cercano una linea di credito garantita da criptovalute.

Il mondo cripto deve ancora ripulirsi dagli scandali del passato

Le registrazioni, tuttavia, indicano che il denaro degli utenti è in pericolo a causa di questa vulnerabilità della controparte. Il recente fallimento di siti web di prestiti come Genesis, Celsius e BlockFi indica che questi siti potrebbero re-ipotecare il denaro degli utenti. La reipotecazione è il processo attraverso il quale l’organizzazione di prestito utilizza le garanzie postate per soddisfare i propri requisiti. Inoltre, poiché l’azienda può prestare beni ai suoi investitori o ad altre organizzazioni senza le necessarie garanzie, l’intero sistema di prestito è essenzialmente interconnesso.

Chiunque voglia prendere in prestito denaro con criptovalute dovrebbe scegliere come primo obiettivo una piattaforma con il minor rischio di controparte. Le piattaforme prive di beni che generano interessi dovrebbero idealmente avere il rischio minore. Grazie all’adozione di soluzioni multi-firma o di cold storage, i prestatori di soli Bitcoin che rispettano i principi di sicurezza e auto-custodia sono anche relativamente più sicuri.

La consapevolezza che i fondi non possono essere ri-ipotecati dal prestatore e non sono conservati su una borsa di terzi, dove sono ancora soggetti a tale ri-ipotecazione nonostante le promesse del prestatore, dà ai mutuatari maggiore tranquillità. È possibile che gli istituti di credito che offrono tassi d’interesse bassi stiano reipotecando i contanti dei consumatori, quindi bisogna essere cauti quando si sceglie un istituto di credito solo perché la sua offerta è meno costosa.

Rischio tecnico

il prestito di criptovalute presenta rischi che non si riscontrano spesso nelle normali operazioni bancarie. L’irreversibilità delle transazioni blockchain è il tipo di rischio più importante.In un caso ben noto, i creatori del protocollo DeFi OptiFi, basato su Solana (SOL), hanno tentato di cancellare uno smart contract e hanno inavvertitamente bloccato asset per un valore di 661.000 dollari.

La manipolazione dell’oracolo dei prezzi, gli attacchi agli smart contract e la perdita delle chiavi private sono altri rischi tecnologici.Questi risultati hanno una maggiore correlazione con le piattaforme di prestito DeFi. Tuttavia, poiché partecipano attivamente alla DeFi per guadagnare, i prestatori centralizzati non sono esenti.

Margin Call

Se gli investitori non gestiscono attivamente la loro posizione e questa scende al di sotto di un ragionevole rapporto prestito/valore (LTV), corrono il pericolo di perdere la loro garanzia. Prendiamo un esempio in cui un investitore effettua un deposito di 1.000 dollari in Bitcoin per prendere in prestito 500 dollari con un rapporto prestito/valore dell’80%.

Ciò implica che se il saldo del collaterale dell’utente scende al di sotto dell’80% circa dell’importo preso in prestito, sarà soggetto a una richiesta di margine. Nel nostro caso, se il valore del collaterale scende a 600 dollari, il collaterale dell’utente sarà venduto per rimborsare il prestito. La maggior parte delle piattaforme ha un rapporto LTV esplicito e se la posizione di un utente rischia di essere liquidata, riceverà una richiesta di margine che gli chiederà di depositare ulteriori fondi.

A causa della natura irregolare del mercato delle criptovalute, gli utenti rischiano di perdere le loro garanzie se non reagiscono rapidamente alle richieste di margine. Se il rapporto LTV rischia di essere superato, gli investitori possono dare priorità all’utilizzo di sistemi di prestito di criptovalute che forniscono avvisi automatici sui prezzi.È inoltre fondamentale avere il denaro a portata di mano ed essere in grado di depositare le garanzie giorno e notte.

Rischio di mancato rimborso

I prestiti fissi in criptovaluta prevedono un piano di rimborso prestabilito per i mutuatari.L’incapacità di effettuare i pagamenti in tempo potrebbe portare a commissioni aggiuntive o alla liquidazione del collaterale.

Gli utenti dei prestiti flessibili possono effettuare i rimborsi in qualsiasi momento. Tuttavia, se subiscono perdite significative sui loro investimenti o difficoltà finanziarie reali, i consumatori possono avere difficoltà a rimborsare i prestiti.Evitando di esporsi ai prestiti in criptovaluta, si possono prevenire situazioni di questo tipo che potrebbero portare a perdite irreversibili.

trading automatizzato
Adobe Stock

Quali sono vantaggi e svantaggi dei prestiti in criptovlaute

Per gli investitori, prendere in prestito denaro a fronte di una garanzia in criptovaluta presenta diversi vantaggi.Tuttavia, prima di intraprendere questa strada, gli investitori dovrebbero essere consapevoli di eventuali svantaggi particolari.

Vantaggi

  • Liquidità istantanea
    Senza sacrificare alcun possibile profitto sull’investimento in criptovalute, gli investitori possono soddisfare le loro urgenti esigenze di liquidità.Si tratta di un’alternativa utile, soprattutto per finanziare spese importanti o durante le crisi.
    Investimento a leva:Aumentando l’esposizione a una o più attività, si possono incrementare i guadagni del portafoglio. Ad esempio, ipotizzando un aumento significativo del mercato, un investitore utilizzerebbe i fondi presi in prestito per acquistare altre criptovalute. Se le cose vanno bene, l’investitore otterrà un guadagno supplementare poiché potrà vendere parte del suo portafoglio per ripagare il prestito.
  • Vantaggi fiscali
    Prendendo in prestito le criptovalute anziché venderle per registrare i profitti o le perdite, gli investitori possono evitare le difficoltà fiscali.Tali prestiti spesso non sono considerati attività imponibili, dando agli investitori la libertà di conservare le loro criptovalute per tutto il tempo che desiderano.

Svantaggi

  • Mancanza di autocustodia
    La maggior parte dei sistemi di prestito centralizzati richiede che i clienti rinuncino alla custodia delle loro attività. Questa strategia comporta un aumento dei rischi di controparte e persino la possibilità di una perdita permanente di denaro nel caso in cui la piattaforma gestisca male il denaro degli utenti o dichiari bancarotta.
  • Aumento delle perdite
    A causa della natura erratica del mercato delle criptovalute, i consumatori corrono il rischio di subire perdite significative se decidono di utilizzare le criptovalute in garanzia per acquistare altri beni. Rischiano di perdere tutte le loro garanzie e di non ottenere alcun ritorno sull’investimento.
  • Regolamentazione
    Questo inconveniente riguarda soprattutto i prestiti in criptovaluta effettuati tramite i protocolli DeFi. Poiché queste piattaforme sono solitamente gestite da organizzazioni autonome decentralizzate (DAO), gli investitori che perdono il denaro depositato non possono intentare una causa.Restrizioni simili si applicano anche ai prestiti di criptovalute effettuati tramite attività offshore gestite da organizzazioni misteriose.

Prestiti in criptovalute garantiti da bitcoin

Gli utenti che desiderano prendere in prestito contanti o stablecoin possono farlo utilizzando il valore collaterale del bitcoin attraverso prestiti garantiti dal bitcoin. Poiché il Bitcoin (BTC) ha la soglia LTV più alta (seconda solo alle stablecoin) ed è meno volatile di altri asset cripto, questo è uno dei modi più sicuri per i clienti di ottenere un prestito in cripto.I prestiti garantiti da Bitcoin sono supportati da diversi sistemi CeFi e DeFi.

Inoltre, utilizzano spesso procedure di custodia e sicurezza che integrano le convinzioni dei proprietari di Bitcoin.I prodotti di prestito basati su reti di bitcoin di livello 2, come Stacks o Liquid, sono le scelte più native di Bitcoin. Queste applicazioni offrono agli utenti Bitcoin un certo grado di accesso auto-custodiale e dipendono intrinsecamente dalla rete Bitcoin per la sicurezza.

Prestiti garantiti da Bitcoin: esempi pratici

Verify 21: Verify 21 è una piattaforma di prestito centralizzata che accetta esclusivamente Bitcoin, consentendo agli utenti di prendere in prestito la propria criptovaluta senza doversi preoccupare del rischio di ri-ipotecazione. La mancanza di una funzione di tokenomics in Verify 21 causa spesso una maggiore fluttuazione dei valori degli asset dei clienti e apre ulteriori possibilità di rischio per la piattaforma.

Verify 21 si avvale di BitGo, un apprezzato sistema di cold storage di livello istituzionale.Per utilizzare la linea di credito di Verify 21, gli utenti devono rinunciare all’autodeposito; tuttavia, possono dipendere da un programma di prova delle riserve sulla catena per verificare che gli asset siano conservati in un rapporto 1:1 dal custode.
Sovryn è un sistema di prestito decentralizzato basato sulla sidechain bitcoin Rootstock (RSK). Convertendo il proprio Bitcoin in RSK-pegged RBTC, i clienti possono utilizzare la piattaforma per ottenere prestiti garantiti da bitcoin.

Gli utenti possono prendere in prestito ZUSD, la stablecoin del protocollo, depositando RBTC, che possono poi scambiare con denaro fiat per soddisfare le loro esigenze di liquidità.I mutuatari che utilizzano Sovryn beneficiano di un accesso auto-custodiale e non ci sono requisiti KYC perché i protocolli non custodiali gestiscono il processo di creazione e rimborso del prestito.

Prestiti in criptovalute peer to peer (P2P)

Un sistema di prestito peer-to-peer (P2P) chiamato Hodl Hodl si basa sulla soluzione bitcoin di livello 2 Liquid Network.Sul sito, gli utenti possono ottenere prestiti in Bitcoin creando nuove richieste di prestito con le specifiche desiderate o scegliendo da un elenco di offerte esistenti messe a disposizione dai prestatori.

Hodl Hodl blocca le garanzie depositate in un contratto multisig, consentendo un accesso completo e autonomo. Se il mutuatario rispetta i termini del prestito, può accedere al suo deposito di Bitcoin; se non lo fa, il contratto multi-sig trasferisce rapidamente la garanzia al prestatore. Le stablecoin più diffuse possono essere utilizzate da Hodl Gli utenti di Hodl possono ottenere prestiti; tuttavia, l’asset collaterale deve essere rimborsato.