Gli 8 falsi miti sull’analisi tecnica che compromettono il tuo trading

Alcuni trader e investitori ritengono che l’analisi tecnica (AT) non sia altro che un esame sommario di grafici e modelli che non produce risultati concreti, conclusivi o redditizi. Altri ritengono invece che si tratti di una sorta di Santo Graal che, una volta padroneggiato, porterà a guadagni consistenti.I punti di vista divergenti hanno generato malintesi sull’analisi tecnica e sul modo in cui viene utilizzata.

L’analisi tecnica (AT) dei mercati finanziari è, per i non addetti ai lavori, un argomento ancora fumoso e poco conosciuto, ma è importante conoscere nel dettaglio i falsi miti e le dicerie che ruotano intorno a questo approccio, così da poter stare alla larga dai pericoli che possono giungere in seguito ad un uso errato di questi concetti, oltre a non rischiare di perdere interessanti opportunità frenati da qualche pregiudizio non fondato.

falsi miti analisi tecnica trading
Adobe Stock

Partiamo subito con lo specificare cos’è l’analisi tecnica e a cosa serve nel concreto per l’analisi dei mercati finanziari e per produrre ipotesi di trading accurate. Il principale obiettivo dell’analisi tecnica è identificare potenziali opportunità di trading valutando i movimenti dei prezzi e i modelli dei grafici. Ciò avviene nel tentativo di cogliere la psicologia e il sentiment del mercato. Gli analisti tecnici, a differenza degli analisti fondamentali, non si preoccupano necessariamente delle aziende che sono alla base dei titoli che negoziano o della redditività di tali aziende.

L’educazione e l’insegnamento possono portare alla formazione di alcune fallacie sull’analisi tecnica. Ad esempio, un trader che è stato educato a concentrarsi esclusivamente sui fondamentali potrebbe non avere alcuna fiducia nell’analisi tecnica. Tuttavia, questo non significa che una persona che ha ricevuto una formazione in analisi tecnica non possa utilizzarla in modo proficuo.

Per una guida completa alle stock, cosa sono e come si negoziano le azioni sui mercati, quali rischi e opportunità comportano e come possiamo partire con il piede giusto evitando gli errori più frequenti, corri a leggere la nostra guida:
Cosa sono le azioni: guida al trading nello stock market

Analisi Tecnica (AT): cos’è questo approccio ai mercati di cui si parla tanto

Alcuni dei presupposti dell’AT si basano su esperienze negative. Ad esempio, l’utilizzo improprio degli indicatori tecnici comporta spesso perdite finanziarie. Tuttavia, ciò non implica sempre che l’approccio non sia corretto. È possibile che l’individuo abbia solo bisogno di ulteriore esperienza e formazione. È possibile che un marketing disonesto favorisca questo sentimento negativo promettendo una ricchezza istantanea se si acquista un semplice indicatore AT e lo si utilizza senza alcuno sforzo. Ovviamente la realtà è che non è così semplice.

In sintesi:

  • L’obiettivo dell’analisi tecnica (AT) è identificare potenziali opportunità di trading valutando i movimenti dei prezzi e i modelli dei grafici. Ciò avviene nel tentativo di cogliere la psicologia e le emozioni del mercato.
  • Ci sono molte persone contrarie all’AT che credono in falsità sull’approccio.
  • L’idea che l’AT sia usata solo per il day trading e che sia utilizzata solo da singoli trader è un’idea sbagliata comune.
  • Altre falsità includono l’idea che l’AT sia istantanea e semplice, con un software responsabile di tutte le scelte.
  • Molti credono erroneamente che l’AT sia in grado di fare previsioni di prezzo accurate e che sia ugualmente applicabile a tutti i mercati finanziari.

Ecco un elenco (non esaustivo) degli otto più diffusi miti frequenti sull’analisi tecnica, insieme ai motivi per cui non sono veri.

#1 -Il trading a breve termine o day trading è l’unico momento in cui si utilizza l’analisi tecnica.

L’idea che l’analisi tecnica sia adatta solo al trading computerizzato che si svolge in un breve periodo di tempo, come il day trading e le transazioni ad alta frequenza, è un’idea sbagliata molto diffusa. L’analisi tecnica è una disciplina che esisteva e veniva utilizzata prima che i computer fossero ampiamente disponibili. Carta millimetrata, squadre e righelli erano gli strumenti degli analisti tecnici prima dell’avvento dei computter.

Alcuni dei pionieri dell’analisi tecnica erano trader e investitori che si concentravano su investimenti a lungo termine piuttosto che su operazioni di day trading. L’analisi tecnica viene utilizzata dai trader in tutti i time frame, dai grafici di un minuto a quelli settimanali e mensili.

#2 – I singoli trader sono gli unici a utilizzare l’analisi tecnica.

Oltre al fatto che le persone fanno uso dell’analisi tecnica, anche gli hedge fund e le banche d’investimento ne fanno largo uso. L’analisi tecnica viene utilizzata dai team di trading specializzati che oggi sono impiegati dagli istituti di investimento.

Le idee tecniche sono estremamente importanti in alcune tecniche operative come il trading algoritmico (algo-trading) e il trading ad alta frequenza (HFT), che rappresenta una parte considerevole del volume totale di scambi che avvengono nelle borse. Inoltre, molti fondi di grandi dimensioni e istituzioni finanziarie utilizzano l’analisi tecnica (AT) per perfezionare la propria operatività e ottimizzare i livelli delle operazioni a mercato.

#3 – Il tasso di successo dell’analisi tecnica è basso.

Per smentire questa convinzione errata basta dare un’occhiata all’elenco dei trader di successo che vantano decenni di esperienza nel settore del trading. Le interviste con i trader di successo hanno rivelato che una considerevole maggioranza di essi attribuisce il proprio successo all’utilizzo dell’analisi tecnica e dei pattern.

Market Wizards: Interviews With Top Traders, scritto da Jack D. Schwager e pubblicato da Wiley nel 2012, è un esempio di libro che include interviste a una serie di esperti che hanno guadagnato interamente grazie all’utilizzo dell’analisi tecnica.

#4 -Il processo di analisi tecnica è facile e veloce.

Su Internet si possono trovare corsi di analisi tecnica, e molti di essi promettono di avere successo nel trading. Un numero significativo di persone inizia il mondo del trading piazzando la prima operazione sulla base di semplici indicazioni tecniche. Tuttavia, per ottenere un successo duraturo nel trading, è necessario acquisire conoscenze approfondite, esperienza, gestione efficace del denaro e autocontrollo.

A tal fine, è necessario dedicare tempo, competenza e attenzione. Oltre a fare tante, tante operazioni simulate e poi soprattutto in reale per comprendere veramente cosa significa operare a mercato e come applicare al meglio le informazioni di qualità che abbiamo ottenuto tramite l’analisi.

L’analisi tecnica può essere considerata solo uno strumento, un singolo pezzo del puzzle. Per completare il lavoro con successo è necessario anche integrare delle strategie operative adeguate alle varie ipotesi e cenari che possiamo costruire sulla base dei dati ottenuti tramite l’analisi tecnica. Oltre a una solida gestione del rischio e un money management che permetta di resistere alla volatilità e la varianza presente nei mercati.

#5 – I trader possono guadagnare facilmente con l’uso di software già pronti per l’analisi tecnica.

Mi dispiace dire che questo non è esatto. Su internet ci sono molte pubblicità di software costosi e a basso costo che pretendono di fare tutte le analisi al posto vostro. Inoltre, i trader meno esperti spesso interpretano erroneamente gli strumenti di analisi tecnica inclusi nel software di trading fornito dal loro broker con metodi di trading che garantiscono costantemente un profitto.

Sebbene sia possibile ottenere approfondimenti su schemi e tendenze attraverso l’uso di strumenti di analisi tecnica, questo non garantisce necessariamente dei profitti. Per comprendere adeguatamente le tendenze e i dati, è responsabilità del trader.

La questione è ancora molto dibattuta. Il trading basato sull’analisi tecnica (AT) dei mercati è vero che in parte può essere automatizzato. Se stabiliamo dei set up operativi e siamo in grado di automatizzare sia la ricerca di tali pattern o situazioni di ingresso e chiusura, che l’esecuzione degli ordini sulla nostra piattaforma, è anche vero che la parte discrezionale può giocare un ruolo chiave.

Se quindi è vero che una macchina è in grado di portare per diverse ore un aereo a velocità di crociera senza causare pericoli per nessuno, le fasi delicate di decollo e atterraggio vengono sempre ancora gestite da piloti in carne ed ossa.

analisi quantitativa
Adobe Stock

Per una guida completa alla scelta del broker più sicuro e adatto alle proprie esigenze e strategie, oltre ai parametri vitali da valutare nella scelta, corri a leggere il nostro articolo:
Come scegliere il broker per il trading sullo stock market: guida per il 2023

#6 – L’uso degli indicatori tecnici è applicabile a tutti i mercati del mondo

Anche se l’analisi tecnica può essere utilizzata in un’ampia varietà di mercati, alcune classi di attività hanno determinati requisiti che devono essere soddisfatti. Le distinzioni tra obbligazioni, futures, opzioni, materie prime e azioni sono altrettanto importanti. Potrebbero essere presenti pattern che dipendono dal tempo, come una forte volatilità nei futures e nelle opzioni che si avvicinano alla scadenza, o pattern stagionali nelle materie prime.

L’uso di indicatori tecnici progettati per una classe di attività per un’altra classe di attività è un errore che dovrebbe essere evitato. Ogni strumento va utilizzato per lo scopo per il quale è stato progettato. Si può fare esperimenti e tentativi, vero. Però è fondamentale mantenere la consapevolezza che di questo si tratta: tentativi ed esperimenti. Solo dopo aver avuto un gran numero di eventi a conferma di una nostra ipotesi di utilizzo degli strumenti tecnici in modo non abituale può darci la sicurezza di usarli nel modo non convenzionale a livello operativo nel nostro trading.

#7 – L’applicazione dell’analisi tecnica può portare a previsioni di prezzo accurate

Molti dilettanti si aspettano che i consigli degli analisti tecnici o dei software siano completamente accurati. I trader inesperti, ad esempio, potrebbero anticipare una previsione esatta come “l’azione ABC raggiungerà i 62 dollari in due mesi”. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, gli analisti tecnici professionisti si astengono dal fornire quotazioni così dettagliate. Al contrario, è più probabile che forniscano un intervallo, come ad esempio “il titolo A potrebbe muoversi tra i 59 e i 64 dollari nei prossimi due o tre mesi”.

È importante che i trader che si affidano ai consigli tecnici sappiano che l’analisi tecnica offre solo una gamma di risultati possibili, non un numero specifico.D’altra parte, l’analisi tecnica non si occupa di promesse, ma piuttosto di probabilità e di probabilità. Nel caso in cui qualcosa abbia successo la maggior parte delle volte, anche se non ha sempre successo, può comunque essere abbastanza efficace per generare profitti.

#8 – L’analisi tecnica dovrebbe avere una percentuale maggiore di risultati positivi.

È diffusa l’idea errata che per ottenere profitti si debba avere un’alta percentuale di operazioni di successo. Invece, non è sempre così. Prendiamo ad esempio il seguente scenario: Peter realizza quattro transazioni di successo su cinque, mentre Molly ne realizza solo una su cinque. In termini di successo, chi è chi? Anche se la maggioranza delle persone direbbe Peter, non lo sapremo con certezza finché non otterremo ulteriori informazioni.Il tasso di vincita e il rapporto rischio/ricompensa sono due fattori che contribuiscono alla redditività.

Peter non otterrà nulla se vince venti dollari con le sue vittorie ma ne perde ottanta con la sua unica perdita.La somma di denaro che Molly porta a casa è di dieci dollari se vince cinquanta dollari e perde dieci dollari con le sue perdite. Anche con un numero inferiore di vittorie, si trova in una posizione più forte. La redditività può essere raggiunta attraverso una struttura di trading adeguata anche quando ci sono solo pochi vincitori.

Conclusioni

Quando si parla di trading, l’analisi tecnica offre un’ampia varietà di strumenti e concetti tra cui scegliere. Alcuni trader di successo non la utilizzano, mentre altri la utilizzano. Entrambi i tipi di trader hanno successo. Alcuni ritengono che l’analisi tecnica sia il metodo di trading più efficace, mentre altri sostengono che sia difettosa e priva di basi teoriche.

In ultima analisi, spetta a ciascun trader indagare sull’analisi tecnica e valutare se è adatta o meno a lui. Per coloro che seguono attivamente le idee, l’analisi tecnica (AT) rappresenta un vero e proprio potenziale di successo nel trading, ma non garantisce certo una rapida ricchezza o un’accuratezza del cento per cento. È uno strumento complementare. Importante e di grande valore, ma pur sempre solo un pezzo del puzzle. Conferme o smentite delle ipotesi formulate tramite analisi tecnica (AT) sono indispensabili per poter beneficiare di tutto il potenziale di questi potenti strumenti in nostro possesso.

 

*NB: Le riflessioni e le analisi condivise sono da intendere ad esclusivo scopo divulgativo. Quanto esposto non vuole quindi essere un consiglio finanziario o di investimento e non va interpretato come tale. Ricorda sempre che le scelte riguardo i propri capitali di rischio devono essere frutto di ricerche e analisi personali. L’invito è pertanto quello di fare sempre le proprie ricerche in autonomia.