Diventa ricco con i Bitcoin, ma li regala, la storia di Moritz Schmidt

Un uomo è diventato ricco grazie ai Bitcoin. Ha deciso però di donarli ad un partito politico impegnato nelle lotte ecologiste.

Bitcoin (AdobeStock)
Bitcoin (AdobeStock)

In questi ultimi anni i Bitcoin hanno fatto arricchire molte persone. Grazie ai loro improvvisi sbalzi di valore verso l’alto tantissima gente si è ritrovata ad avere una fortuna. Negli ultimi 3 anni la criptovaluta più famosa del mondo è cresciuta da un valore di circa 6mila euro agli odierni 50mila. Numeri spaventosi.

Tra i fortunati che hanno investito una certa somma nel momento giusto in Bitcoin ci sarebbe anche lo sviluppatore di software Moritz Schmidt. Secondo quanto riportato dalla testata tedesca Die Zeit l’uomo sarebbe riuscito a raggiungere la cifra di 1 milione di euro grazie alla nota criptovaluta.

Schmidt ha deciso di regalare tutti i suoi Bitcoin

Nulla di strano direte voi? In questi anni, effettivamente i casi di persone che si sono arricchite con questo genere di investimenti sono tante. La particolarità di questo caso però è data dal fatto che Schmidt ha deciso di regalare i soldi guadagnati con i Bitcoin.

L’uomo li ha dati al partito tedesco Alleanza 90/l Verdi. A quanto pare Schmidt avrebbe deciso di fare questo gesto ritenendo questa improvvisa ricchezza “immeritata”. Avrebbe deciso così di darli al partito verde per fare qualcosa di positivo per l’ambiente. Le generazione di criptovalute consuma un’enorme quantità di elettricità. Proprio per questo lo sviluppatore di software ha deciso di privarsene essendo contrario al “sistema Bitcoin“.

LEGGI ANCHE >>> Bitcoin, la festa è finita: importanti cambiamenti in vista

Attualmente, ha fatto sapere un portavoce del partito, questa è la donazione più ingente ricevuta quest’anno. I soldi verranno usati per la prossima campagna elettorale. Sono in molti a sperare in una svolta verde da parte delle criptovalute. L’industria del Bitcoin è in crescita e con essa anche le emissioni inquinanti. Il progredire delle tecnologie però potrebbe portare nei prossimi anni a qualche cambiamento in tal senso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *