Il caro energia ha i giorni contati: dal 2022 si cambia con nuovi sconti

Una iniziativa che di certo farà piacere agli italiani prevista per il prossimo anno. Le bollette saranno calmierate, ecco come.

Bollette bonus
Bollette bonus (Adobe)

Negli ultimi mesi abbiamo assistito, inermi, è giusto sottolinearlo, ad un aumento sconsiderato degli importi delle bollette di luce e gas. Nelle ultime settimane la situazione è diventata più critica che mai con le prime fatture arrivate a domicilio che dimostrano quanto in effetti la situazione sia cambiata in pochissimo tempo. A margine degli aumenti, è stato spiegato, l’aumento del costo delle materie prime, crisi di settore ed un sistema ormai obsoleto che gestisce le varie dinamiche presenti in campo. Il Governo è più volte tornato sulla questione senza però grossi risultati, almeno finora.

Nei mesi passati l’esecutivo si era impegnato a trovare una soluzione ai rincari attraverso misure efficaci ed anche immaginando una riforma dell’intero settore che potesse arrivare ad un abbassamento anche dei costi di gestione gravanti sull’utente finale. Oggi la soluzione sembra essere arrivata, a partire dal 2022 infatti, una nuova iniziativa promossa dal Governo guidato da Mario Draghi farà in modo che gli importi delle bollette possano scendere in maniera assolutamente determinante. Ancora pochi giorni quindi per capire fino in fonda di cosa stiamo parlando, vederne più che altro una attuazione pratica.

Aumento bollette gas e luce: il taglio dell’Iva porterà al crollo dei prezzi

Le risorse stanziate all’interno della Legge di bilancio, destinate al taglio dell’Iva, ammontano a circa 2 miliardi di euro. Non è chiaro se l’importo sia necessario per dare una sforbiciata agli importi delle bollette di tuti gli italiani, ma è comunque l’inizio di un intervento serio e deciso in merito alla questione. L’Iva andrebbe tagliata, quindi, sugli oneri di sistema. Le voci che andrebbero ad essere “toccate” saranno le seguenti:

  •  incentivi alle rinnovabili
  • incentivazione della produzione da rifiuti non biodegradabili
  • messa in sicurezza del nucleare alle misure di compensazione territoriale
  • agevolazioni tariffarie per il settore ferroviari
  • bonus elettrico per le famiglie economicamente in difficoltà.

LEGGI ANCHE >>> Arriva il bonus in busta paga: chi sono i lavoratori fortunati

Il progetto del Governo punta al pagamento dell’Iva esclusivamente per quel che riguarda l’energia effettivamente consumata dal cliente, quindi dal cittadino. Niente più spese accessorie, niente più oneri tassati, insomma una sorta di revisione dell’intero concetto alla base della redazione della bolletta. Gli italiani quindi potranno trarre grandi vantaggi da questa iniziativa, sperando possa attuarsi nel minor tempo possibile e secondo tutte le giuste considerazioni del caso-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *