VIX: perché se fai trading devi conoscere l’indice della paura

Perché il Volatility Index è ritenuto così importante nel mondo degli investimenti? Ecco come sfruttarlo a proprio vantaggio.

oscillazioni di mercato

Chi si interessa di materie finanziarie, anche sommariamente, almeno una volta nella vita avrà sentito parlare dell’indice della paura, il VIX, un valore ritenuto fondamentale da molti trader. In special modo quando si verificano eventi catastrofici sui mercati azionari, come accaduto per il crash dovuto alla pandemia, questo indice viene sempre tirato in ballo e se ne sente parlare dappertutto: in televisione, sui forum, nelle analisi e così via. Ma che cos’è il VIX?

Il Volatility Index è un parametro che fa parte del Cboe (Chicago Board Exchange) e che indica la volatilità del mercato azionario. Questo particolare strumento di riferimento, viene conteggiato direttamente dal Cboe, utilizzando i valori delle opzioni dei titoli che compongono l’S&P 500, che è l’indice delle principali 500 azioni americane. Misurando la volatilità dei mercati, è anche facile intuire perché viene chiamato indice della paura: da sempre, quando la volatilità dei mercati azionari aumenta notevolmente, ci si trova di fronte a importanti oscillazioni di mercato ribassiste. Con relativo terrore degli investitori, che in buona parte non contemplano nelle loro operazioni il fatto di posizionarsi a ribasso sui mercati finanziari, oppure di tenere hedgiate le proprie posizioni. Per questo motivo un VIX in forte crescita, scontenta molti trader.

Il VIX dunque aumenta il proprio valore all’aumentare della volatilità, mentre quando la volatilità dei mercati si abbasserà, tornerà a deprezzarsi. La sua più grande peculiarità è che il valore di questo strumento generalmente è molto basso, con dei picchi di prezzo importanti, detti spike, che rappresentano generalmente i grossi scossoni.

LEGGI ANCHE>> Cboe, in arrivo l’estensione negli orari di trading: 24 ore su 24, 5 su 7

Come leggere e come utilizzare il VIX nel trading

Il VIX dunque analizza e studia la volatilità dei mercati e generalmente i trader valutano questo indice secondo due direzioni: sotto i 20 punti avremo un mercato tranquillo, se è sopra i 30 punti avremo un mercato volatile. L’aumento di questo indice normalmente coincide con le fasi discendenti di mercato, e come si dice sempre in borsa “il mercato sale con le scale, ma scende con l’ascensore”.

LEGGI ANCHE>> Approccio conservativo o aggressivo? Ecco le regole per investire

L’importanza di saper leggere bene l’indice di volatilità quindi è di vitale importanza se si vuole fare trading, sia di breve termine che di lungo termine. Da un’attenta analisi del VIX si può capire generalmente quando andare incontro a situazioni che generano cambi di volatilità improvvisi, o quando aspettarci periodi tranquilli. Uno studio che può supportarci nella scelta direzionale dei nostri trade principali. Al di là dell’analisi semplice per sfruttare questo indice nei nostri trade ordinari, esistono due utilizzi veramente interessanti che possiamo fare di questo strumento:

  • Speculazione. Il primo approccio è proprio quello di investire su questo strumento per provare a generare profitti, perché si ha la possibilità di comprare le opzioni o le etf di questo indice. Al di là del trading in generale, è interessante avere posizioni rialziste di lungo termine su questo strumento, per approfittare degli spike improvvisi che può generare, portando a casa performance interessanti. Basti pensare che ci sono opzioni che possono arrivare ad apprezzarsi su questo indice anche del 1.000 o 2.000%.
  • Come strumento di hedge. L’altro approccio che si può fare su questo strumento, è molto utile per tutti gli investitori che prediligono operazioni e posizioni rialziste. Si può infatti utilizzare il VIX come strumento di hedge per il portafoglio di investimento Con un’esposizione azionaria ben calibrata, e con il giusto quantitativo di strumenti sul VIX da comprare, potremo trovarci nella situazione in cui, se il mercato subisce un forte scossone a ribasso, avremo la possibilità di ripagarci almeno in parte le perdite che avremo sui trade rialzisti, e quindi beneficiare degli effetti del VIX.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *