Cos’è lo spread bid-ask sui mercati finanziari e come impatta sul tuo trading

Per ogni asset che viene scambiato sul mercato, l’importo di cui il prezzo di domanda è superiore al prezzo di offerta viene definito spread bid-ask.

In parole povere, lo spread bid-ask è la differenza tra il prezzo più alto che un acquirente è disposto a pagare per un’attività e il prezzo più basso che un venditore è disposto ad accettare per la stessa.

bid ask spread
Adobe Stock

Una persona interessata a vendere riceverà il prezzo di offerta, mentre una persona interessata ad acquistare dovrà pagare il prezzo di domanda. La differenza tra il prezzo più alto che un acquirente è disposto a pagare per un’attività e il prezzo più basso che un venditore è disposto ad accettare viene definita spread bid-ask.

Il costo della transazione viene definito spread. A differenza dei market maker, i price taker acquistano al prezzo di domanda e vendono al prezzo di offerta. I market maker, invece, acquistano al prezzo bid e vendono al prezzo ask. Per un asset negoziato sui mercati, il prezzo bid è una rappresentazione della domanda, mentre il prezzo ask è una rappresentazione dell’offerta.

Lo spread bid-ask è il metodo standard per determinare la liquidità del mercato.

Per una guida completa alle stock, cosa sono e come si negoziano le azioni sui mercati, quali rischi e opportunità comportano e come possiamo partire con il piede giusto evitando gli errori più frequenti, corri a leggere la nostra guida:
Cosa sono le azioni: guida al trading nello stock market

Cos’è lo spread Bid-Ask e perché un aspetto fondamentale per operare sui mercati

È la valutazione del mercato del valore di un titolo in un determinato momento a determinarne il prezzo, e questa prospettiva è unica. Per comprendere la ragione dell’esistenza di un “bid” e di un “ask”, è necessario prendere in considerazione i due partecipanti principali coinvolti in ogni transazione di mercato. Si tratta del price taker (trader) e del market maker (controparte).

I market maker, molti dei quali possono essere assunti da società di intermediazione, sollecitano offerte di acquisto di titoli a un determinato prezzo (il prezzo bid) e offrono di vendere titoli a un determinato prezzo (il prezzo ask). I market maker offrono anche di vendere titoli a un prezzo specifico. Quando un investitore inizia una transazione, accetta uno di questi due prezzi, a seconda che voglia acquistare il titolo (prezzo di domanda) o venderlo (prezzo di offerta). Qualsiasi prezzo scelga, lo accetterà.

La differenza tra questi due prezzi è nota come spread e rappresenta il principale costo di transazione della negoziazione (oltre alle commissioni). Il market maker è responsabile della raccolta dello spread attraverso il naturale flusso di elaborazione degli ordini ai prezzi bid e ask. Quando si tratta di broker finanziari, questo è ciò che intendono quando dicono che i loro profitti derivano dal “superamento dello spread” da parte dei trader.

Spread bid ask: la rappresentazione di domanda e offerta sui mercati

È possibile che lo spread bid-ask venga interpretato come una misura della domanda e dell’offerta di un determinato prodotto. Poiché il bid è considerato una rappresentazione della domanda di un asset e l’ask è considerato una rappresentazione dell’offerta, l’azione del prezzo indica un cambiamento nell’offerta e nella domanda ogni volta che questi due prezzi si allontanano l’uno dall’altro.

Per quanto riguarda lo spread bid-ask, la profondità delle “offerte” e delle “richieste” può avere una grande influenza sullo spread.Se ci sono meno operatori che immettono ordini limite per acquistare un titolo (il che si tradurrà in prezzi di offerta più bassi) o se ci sono meno venditori che emettono ordini limite per vendere, lo spread può aumentare drasticamente. Di conseguenza, quando si imposta un ordine buy-limit, è essenziale tenere presente lo spread bid-ask per garantire che l’ordine venga eseguito correttamente.

I market maker e i trader esperti che sono consapevoli del pericolo imminente che esiste sui mercati possono anche aumentare il divario tra la migliore offerta e la migliore domanda che sono pronti a fornire in un determinato momento. Se tutti i market maker si comportano in questo modo su un determinato asset, lo spread bid-ask indicato rappresenterà una grandezza molto più grande di quella tipica. Un certo numero di trader ad alta frequenza e di market maker cerca di generare profitti sfruttando le variazioni dello spread bid-ask.

Che cos’è esattamente order book

Una borsa valori o un exchange di criptovalute utilizzano un elenco di transazioni, che può essere elettronico o scritto a mano, per registrare l’interesse del mercato per un particolare titolo o strumento finanziario. Questo elenco è chiamato order book, o libro degli ordini. In un tipico order book, le azioni sono elencate in base al volume delle transazioni e al livello dei prezzi.

Un “libro continuo” è un termine che viene occasionalmente utilizzato per riferirsi a un libro degli ordini, in quanto è un’indicazione essenziale della profondità del mercato, ovvero del numero di transazioni in corso in ogni momento. Questo è il motivo per cui un order book viene aggiornato regolarmente.

I registri degli ordini possono anche essere utilizzati per determinare gli acquirenti e i venditori responsabili di ogni particolare transazione. Alcuni operatori, invece, scelgono di condurre la propria attività in quelle che vengono definite “dark pool”, ovvero lotti di transazioni che vengono nascosti dal libro degli ordini.Per questo motivo, è difficile determinare se i ruoli sono detenuti da persone o da istituzioni.

Il trading nel libro degli ordini di una borsa è equivalente al trading off-book, ovvero quando il prezzo della transazione viene concordato direttamente tra due parti. Il trading off-book è l’inverso del trading nel book ordini. Rispetto alla negoziazione diretta nel libro degli ordini, la procedura di reporting per la negoziazione off-book è meno rigida e i limiti di tempo sono minori.

La relazione tra spread bid-ask e liquidità

Una delle ragioni principali per cui l’entità dello spread bid-ask varia da un’attività all’altra è il diverso livello di liquidità che ogni attività possiede. Lo spread bid-ask è il metodo standard per determinare la liquidità del mercato. Alcuni mercati sono più liquidi di altri e gli spread su tali mercati devono riflettere il fatto che sono più liquidi. Gli iniziatori delle transazioni, noti anche come price taker, sono coloro che cercano la liquidità, mentre le controparti, note anche come market maker, sono coloro che la offrono.

Lo spread bid-ask nel mercato valutario è uno dei più bassi (un decimo di punto percentuale), il che significa che lo spread può essere misurato in frazioni di centesimi. Le valute, ad esempio, sono considerate l’attività più liquida di tutto il mondo. Tuttavia, gli asset meno liquidi, come le azioni a piccola capitalizzazione, possono avere spread paragonabili all’1% o al 2% del prezzo di domanda più basso dell’asset. Questo perché le azioni a piccola capitalizzazione sono meno liquide di quelle a grande capitalizzazione.

È anche possibile che gli spread bid-ask rappresentino il rischio percepito che il market maker si assume nel fornire una transazione.

Nel caso di opzioni o contratti futures, ad esempio, gli spread bid-ask possono essere tali da rappresentare una quota del prezzo di gran lunga superiore a quella di un’operazione in cambi o in azioni. È possibile che l’ampiezza dello spread sia determinata non solo dalla liquidità del mercato, ma anche dal tasso di fluttuazione dei prezzi.

Un esempio di spread Bid-Ask nella pratica

Se il prezzo a cui un’azione viene offerta in vendita è di 19 dollari e il prezzo a cui viene chiesta in vendita è di 20 dollari, lo spread bid-ask per l’azione in questione sarà di 1 dollaro. Lo spread bid-ask può anche essere espresso in termini percentuali. Spesso viene calcolato come percentuale del prezzo di vendita o del prezzo di domanda più basso. Questo è il metodo di calcolo standard.

Per ottenere lo spread bid-ask in termini percentuali per l’azione discussa in precedenza, lo spread bid-ask verrebbe calcolato come segue: 1 dollaro diviso per 20 dollari (lo spread bid-ask diviso per il prezzo di domanda più basso) per ottenere uno spread bid-ask del 5% (1 dollaro diviso per 20 dollari moltiplicato per 100). Questo spread si chiuderebbe se un possibile acquirente offrisse di acquistare le azioni a un prezzo più alto o se un potenziale venditore offrisse di vendere le azioni a un prezzo più basso. Entrambi questi scenari porterebbero alla chiusura dello spread.

bid ask spread
Adobe Stock

Per una guida completa alla scelta del broker più sicuro e adatto alle proprie esigenze e strategie, oltre ai parametri vitali da valutare nella scelta, corri a leggere il nostro articolo:
Come scegliere il broker per il trading sullo stock market: guida per il 2023

Le varie componenti dello spread Bid-Ask

Le transazioni con spread Bid-ask possono essere eseguite su un’ampia gamma di titoli, nonché su materie prime e valute estere. Per determinare la liquidità del mercato, gli operatori guardano allo spread bid-ask. Lo spread sarà maggiore a causa dell’elevato attrito esistente tra la domanda e l’offerta di quel titolo.

La maggior parte dei trader preferisce utilizzare gli ordini limite piuttosto che gli ordini di mercato, poiché in questo modo ha la possibilità di selezionare i propri punti di ingresso piuttosto che dover accettare il prezzo attualmente offerto sul mercato. A causa del fatto che due operazioni vengono eseguite contemporaneamente, lo spread bid-ask è associato a un costo.

Come funziona il metodo Bid-Ask Spread

Quando si parla di mercati finanziari, la differenza tra il prezzo richiesto e il prezzo offerto di un titolo o di un’altra attività viene definita spread bid-ask. La differenza tra il prezzo più alto che un acquirente è disposto a offrire (denominato prezzo di domanda) e il prezzo più basso che un venditore è disposto ad accettare (denominato prezzo di richiesta) è nota come spread bid-ask.

Le attività che presentano uno spread bid-ask ridotto sono spesso molto richieste a causa del loro prezzo basso. D’altro canto, le attività che presentano un ampio bid-ask spread possono avere una domanda limitata, con un impatto più significativo sul prezzo.

Domande Frequenti

Quali fattori contribuiscono a un elevato bid-ask spread (BAS)?

Ci sono diverse ragioni per cui il bid-ask spread, che a volte viene chiamato “spread”, può essere molto elevato. Innanzitutto, la liquidità è un fattore cruciale da considerare. Quando c’è un livello sostanziale di liquidità in un particolare mercato per un’attività, lo spread sarà più limitato. Le azioni di società che vengono scambiate attivamente, come Google, Apple e Microsoft, avranno un divario più ridotto tra i loro prezzi bid e ask.

D’altro canto, lo spread bid-ask può essere elevato per attività sconosciute o poco popolari in un determinato giorno.Le società a piccola capitalizzazione, che possono avere volumi di negoziazione inferiori e un grado minore di domanda da parte degli investitori, sono un esempio di questi tipi di azioni.

Se si parla di azioni, qual è un esempio di spread bid-ask?

Prendiamo in considerazione il seguente scenario: un trader è interessato ad acquistare cento azioni di Apple per cinquanta dollari. Sul mercato, il trader nota che 100 azioni sono in vendita al prezzo di 50,05 dollari l’una. Si tratterebbe di uno spread di 0,05 dollari, pari a 50,00 dollari meno 50,05 dollari.

Anche se questo spread può sembrare minore o trascurabile, in realtà può avere un impatto sostanziale su operazioni di grande portata. Questo è il motivo per cui gli spread stretti sono spesso più adatti di quelli più ampi. L’importo complessivo dello spread bid-ask sarebbe pari a 100 azioni moltiplicate per 0,05 dollari, il che equivale a 5 dollari in questo particolare scenario.

Conclusioni

Lo spread tra il prezzo bid e il prezzo ask è un utile indicatore di liquidità, poiché i titoli più liquidi avranno spread minori, mentre gli asset meno liquidi avranno spread maggiori. Lo spread di qualsiasi titolo che un investitore intende acquistare o vendere dovrebbe essere monitorato dall’investitore per comprendere la frequenza con cui il titolo viene scambiato e per determinare il tipo di ordine da utilizzare quando si effettua una transazione.

 

*NB: Le riflessioni e le analisi condivise sono da intendere ad esclusivo scopo divulgativo. Quanto esposto non vuole quindi essere un consiglio finanziario o di investimento e non va interpretato come tale. Ricorda sempre che le scelte riguardo i propri capitali di rischio devono essere frutto di ricerche e analisi personali. L’invito è pertanto quello di fare sempre le proprie ricerche in autonomia.