Come il più grande rivenditore di articoli per la casa accresce il suo business e batte Amazon

The Home Depot, è il più grande rivenditore di articoli per la casa negli Stati Uniti.

Attenzione ai bonus casa, se si sbaglia scelta si rischia di spendere molto di più

L’azienda fornisce prodotti da costruzione per interni ed esterni, nonché prodotti decorativi e servizi. Opera oltre che negli Stati Uniti anche in Canada e Messico.

Fondata nel 1978 Home Depot è oggi una realtà presente in tutti e 50 gli Stati del Nord America con una rete distributiva che conta 2298 negozi per la vendita al dettaglio. A partire dal 2020 l’attività economica dell’azienda ha realizzato un fatturato di 12,9 miliardi grazie anche ai suoi 500.000 impiegati. Valori cresciuti di anno in anno insieme al prezzo delle azioni scambiate al NYSE che negli ultimi cinque anni del 164%.

Da settembre 2021 i risultati patrimoniali hanno manifestato tutta la loro forza, a partire dalla tendenza innescata con l’inizio dei lockdown negli Stati Uniti. Gli americani dovendo passare più tempo in casa hanno dato maggiore importanza all’aspetto delle loro abitazioni. Queste da lungo tempo rivestono una parte importante della ricchezza degli statunitensi e con l’inizio della pandemia si sono rivelati gli unici luoghi sicuri e fonte di socialità.

La crescita a doppia cifra di Home Depot e la sua strategia commerciale

Home Depot può essere oggi un’azienda su cui investire, che a sua volta investe per incrementare la sua quota di mercato e i suoi servizi. Anche prima che la pandemia colpisse gli Stati Uniti, Home Depot ha accresciuto il suo fatturato un tasso annuo composto che negli ultimi dieci anni è stato del 6,9%. Ciò ha contribuito a far crescere gli utili per azione a un tasso annuo composto del 18,5%.

Uno dei fattori che contribuisce alla sua capacità di continuare a crescere nel tempo è relativa alla sua strategia commerciale. Infatti, le dimensioni e il peso degli articoli sono spesso proibitivi o antieconomici per servizi di e-commerce come Amazon. Questo porta necessariamente uno dei più temibili concorrenti dei negozi al dettaglio a non poter competere sul prezzo o la disponibilità di molti dei prodotti di Home Depot.

Un’altra ragione del suo vantaggio competitivo è il fatto che la stessa azienda utilizza i negozi fisici come dei magazzini da cui può spedire direttamente a casa la merce ordinata online. Un terzo elemento è la fascia di clienti a cui si rivolge il settore del fai da te. Questi diversamente dai clienti professionali nel settore edile, preferiscono acquistare le materie prime e completare i loro progetti in modo indipendente. Per questo tendono a rivolgersi a negozi fisici in cui hanno modo di entrare in contatto con i materiali e gli oggetti necessari.

L’attività benefica di Home Depote e la carriera di Ann Marie Campbell

Da settembre il più grande rivenditore di articoli per la casa al mondo, investirà dieci milioni di dollari in fondi di venture capital. Questi sono finalizzati a promuovere attività inclusive e sostenibili. Tra le sue attività a sostegno della comunità americana, ci sono quelle nei confronti delle  minoranze e per i college e le università afroamericane.

A questo proposito Home Depote si schiera a favore dell’equità sociale investendo inoltre un milione di dollari all’anno per il programma Retool Your School. La società ha oggi tra i suoi membri più illustri Ann-Marie Campbell, vicepresidente esecutivo della catena dei negozi USA e delle operazioni internazionali.

Ann-Marie Campbell nata nel 1965 è una dirigente con origini giamaicane che dal 2016 è tra i vertici dirigenziali dell’azienda. La sua è una storia di crescita professionale e di riscatto, ha iniziato infatti la sua carriera per Home Depot nel 1985 come cassiera part time arrivando negli anni fino alla sua posizione attuale. La manager ha ricevuto per il suo merito numerosi riconoscimenti. Tra questi la presenza nella lista 2014, 2016 e 2018 di Fortune delle 50 donne più influenti nel mondo degli affari.

LEGGI ANCHE>>Cannillo: La storia imprenditoriale della famiglia proprietaria del marchio Despar

L’inizio della carriera di Ann Marie Campbell, vicepresidente esecutivo di Home Depote

Ann-Marie ha avuto le sue prime esperienze nella vendita al dettaglio da sua nonna in Giamaica, che possedeva un piccolo negozio di mobili a conduzione familiare. Dopo oltre 35 anni con l’azienda, Ann-Marie ha maturato una profonda comprensione del funzionamento dei reparti, della cultura aziendale e dei clienti tipici di Home Depot.

Ann-Marie si è laureata alla Georgia State University, dove ha completato gli studi in filosofia e ha ottenuto un master in amministrazione aziendale. È membro di Beta Gamma Sigma, una società internazionale che dal 1913 riconosce e premia il merito dei migliori studenti nelle scuole di economia.

Oggi Home Depot è onorata di avere una dipendente appassionata ed entusiasta. Ann-Marie è particolarmente attiva anche in campo sociale. È una volontaria attiva di Team Depot, che lavora fianco a fianco con altri associati per collaborare a scopo benefico con le comunità locali. È presidente del consiglio di amministrazione di The Homer Fund, un ente di beneficenza che supporta i soci di Home Depot che stanno affrontando delle difficoltà finanziarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *