Ipervenduto e ipercomprato: cosa significa nel trading

Il termine “ipervenduto” descrive una situazione in cui il prezzo di un’attività è stato scambiato a un livello inferiore e c’è la possibilità che il prezzo possa rimbalzare. In genere questa caratteristica viene rilevata da indicatori di momentum come il relative strength index (RSI).Sebbene uno stato di ipervenduto possa durare per un periodo di tempo considerevole, ciò non sempre indica che un rialzo dei prezzi si verificherà nell’immediato futuro o in ogni caso. Esistono diversi indicatori tecnici in grado di rilevare i livelli di ipervenduto e ipercomprato. La valutazione di questi indicatori si basa sul modo in cui il prezzo è attualmente scambiato rispetto a quello precedente.Anche i fondamentali possono essere utilizzati per determinare se un’attività si è discostata o meno dalle sue normali misure di valore e se è stata ipervenduta o meno.

ipercomprato ipervenduto
Adobe Stock

L’espressione “ipervenduto” è molto soggettiva. I trader e gli analisti utilizzano tutti strumenti diversi, per cui è possibile che alcuni di loro percepiscano un’attività in ipervenduto, mentre altri vedano un’attività che ha più spazio per scendere. Poiché le situazioni di ipervenduto possono persistere per un periodo di tempo considerevole, i trader più accorti attendono che il prezzo raggiunga un livello di stabilità e inizi a muoversi verso l’alto prima di effettuare acquisti.

L’indice di forza relativa (RSI) e l’oscillatore stocastico, tra gli altri indicatori tecnici, sono in grado di identificare le situazioni di ipervenduto. Anche altri indicatori possono contribuire a questo processo di identificazione.

Anche l’analisi fondamentale può essere utilizzata per identificare un’attività in ipervenduto, confrontando il suo valore attuale con quello precedente. Ad esempio in termini di rapporto prezzo/utili (P/E) e di calcolo del P/E a termine.

Per una guida completa alla scelta del broker più sicuro e adatto alle proprie esigenze e strategie, oltre ai parametri vitali da valutare nella scelta, corri a leggere il nostro articolo:
Come scegliere il broker per il trading sullo stock market: guida per il 2023

Cosa significa per un bene essere in una condizione di ipervenduto

Un asset è considerato ipervenduto da un trader fondamentale quando viene scambiato a un prezzo più alto rispetto alle misure del suo valore medio. Nella maggior parte dei casi, quando gli analisti tecnici parlano di condizioni di ipervenduto, si riferiscono alle letture di diversi indicatori. Nonostante i due gruppi utilizzino strumenti distinti per giudicare se un’attività sia o meno in ipervenduto, entrambe le tecniche sono perfettamente accettabili.

L’ipervenduto a livello fondamentale

Le azioni (o qualsiasi altro asset) sono considerate fondamentalmente ipervendute quando gli investitori ritengono che siano scambiate a un prezzo inferiore al loro valore reale. È possibile che ciò sia la conseguenza di notizie sfavorevoli riguardanti l’azienda in questione, di una prognosi negativa per l’azienda in futuro, di un settore che sta diventando meno popolare o di un mercato che sta generalmente diminuendo.

Storicamente, il rapporto prezzo/utili è stato un metodo convenzionale per determinare il valore di un’azione. Per determinare il giusto prezzo di una determinata azienda, gli analisti e i trader si avvalgono dei dati finanziari dichiarati pubblicamente o delle previsioni sugli utili. Se il rapporto prezzo/utile di un’azione scende al di sotto del P/E medio del settore o raggiunge il punto più basso del suo intervallo storico, gli investitori possono considerare l’azione sottovalutata. È possibile che ciò offra agli investitori di lungo periodo la possibilità di effettuare un acquisto.

Ad esempio, un’azione che storicamente ha avuto un rapporto prezzo/utile compreso tra 10 e 15 e che attualmente viene venduta a un rapporto prezzo/utile di cinque, può indicare agli investitori che dovrebbero approfondire l’analisi dell’azienda. È possibile che il titolo sia stato venduto in eccesso e che rappresenti un’ottima opzione di acquisto se l’azienda è ancora forte. Tuttavia, è necessaria un’indagine accurata, poiché potrebbero esserci validi motivi per cui gli investitori non hanno lo stesso entusiasmo per l’azienda come in passato.

Come determinare i livelli di ipervenduto di un asset negoziato sui mercati

I livelli di ipervenduto possono essere determinati dai trader anche attraverso l’utilizzo di indicatori tecnici. Un indicatore tecnico prende in considerazione solo il prezzo attuale rispetto ai prezzi precedenti.Le statistiche chiave non vengono prese in considerazione.

L’oscillatore stocastico è stato inventato da George Lane negli anni Cinquanta. Questo oscillatore analizza i movimenti recenti dei prezzi per individuare i cambiamenti nel momentum e nella direzione dei prezzi di un titolo. L’indice di forza relativa (RSI) è una metrica che valuta la forza delle variazioni di prezzo in un breve periodo di tempo, generalmente quattordici giorni.

Un basso indice di forza relativa (RSI), spesso inferiore a 30, avverte i trader che un titolo potrebbe essere ipervenduto. L’indicazione indica essenzialmente che il prezzo è attualmente scambiato nel terzo inferiore dell’intervallo di prezzi in cui è stato scambiato di recente. Non è detto che il prezzo rimbalzi rapidamente. Dato che le situazioni di ipervenduto possono persistere per un periodo di tempo considerevole, molti trader attendono che il segnale inizi a muoversi verso l’alto prima di effettuare un acquisto. Prima di acquistare, un trader può, ad esempio, attendere che l’indice di forza relativa (RSI) di ipervenduto torni a superare il valore 30. Il fatto che il prezzo stia iniziando a salire indica che in passato era ipervenduto.

Identificare l’ipervenduto sui grafici

Per identificare le regioni di ipervenduto, molti trader ricorrono a canali di prezzo come le Bande di Bollinger. Le Bande di Bollinger sono posizionate su un grafico a un multiplo della deviazione standard di un titolo al di sopra e al di sotto di una media mobile esponenziale. Ciò consente di posizionare con precisione le Bande di Bollinger. Quando il prezzo cade nell’intervallo inferiore, è possibile che si sia verificato un ipervenduto. Anche in questo caso, prima di effettuare un acquisto, i trader spesso attendono che il prezzo ricominci a salire.

Alphanomics
Adobe Stock

Per una guida completa alle stock, cosa sono e come si negoziano le azioni sui mercati, quali rischi e opportunità comportano e come possiamo partire con il piede giusto evitando gli errori più frequenti, corri a leggere la nostra guida:
Cosa sono le azioni: guida al trading nello stock market

Cos’è il relative strength index (RSI)

L’RSI, acronimo di Relative Strength Index, è un oscillatore di momentum creato da J. Welles Wilder. Analizza la velocità dei movimenti di prezzo e la loro variazione.L’RSI rappresenta un intervallo compreso tra zero e cento. L’indice di forza relativa (RSI) è considerato in ipercomprato quando supera i 70 punti. Al contrario, è considerato in ipervenduto quando è inferiore a 30. Il processo di ricerca delle oscillazioni e delle divergenze di rottura può portare alla generazione di segnali. Inoltre, l’RSI può essere utilizzato per determinare la tendenza generale.

Si considera ipercomprato quando l’indicatore di forza relativa (RSI) è superiore a 70, mentre si considera ipervenduto quando è inferiore a 30. Se necessario, questi livelli convenzionali possono essere modificati per adattarsi meglio al titolo. Nel caso in cui un titolo si avvicini costantemente al livello di ipercomprato di 70, ad esempio, si potrebbe prendere in considerazione l’ipotesi di modificare questa soglia per portarla a 80. Teniamo in ogni caso a mente che il Relative Strength Index (RSI) può rimanere in uno stato di ipercomprato o ipervenduto per lunghi periodi di tempo durante i forti movimenti.

Quali sono i pattern da osservare

L’RSI è anche in grado di formare pattern grafici che possono essere visibili o meno sul grafico del prezzo sottostante. Questi pattern includono trendline, doppi top e bottom e doppi bottom. Inoltre, è possibile controllare l’RSI per verificare la presenza di supporti o resistenze.

Durante una ripresa o un bull market, l’indice di forza relativa (RSI) tende a rimanere nell’intervallo 40-90, con la zona 40-50 che funge da supporto. In un mercato orso o in una fase di ribasso, l’indice di forza relativa (RSI) tende a rimanere in un intervallo compreso tra 10 e 60. Mentre la zona tra 50 e 60 che funge da resistenza. Questi intervalli cambiano a seconda dei parametri dell’indice di forza relativa (RSI) e della forza della tendenza di fondo del mercato o dell’asset.

È possibile che questa divergenza indichi un’inversione del mercato se i prezzi sottostanti raggiungono un nuovo massimo o un nuovo minimo non verificato dal RSI. Un esempio di Top Swing Failure si ha quando il Relative Strength Index (RSI) raggiunge un massimo inferiore e poi lo segue prontamente con un movimento al ribasso sotto il minimo precedente. Un fallimento dell’oscillazione inferiore si verifica quando il Relative Strength Index (RSI) stabilisce un minimo più alto e poi lo segue con un movimento al rialzo superiore al picco precedente.

Qual è la differenza tra ipervenduto e ipervenduto

Si parla di ipercomprato quando un’attività viene scambiata nella direzione opposta a quella dell’ipervenduto, ovvero quando viene scambiata nella parte inferiore del suo recente intervallo di prezzi o quando viene scambiata vicino ai minimi in base ai dati fondamentali. Nel caso in cui il prezzo di un’attività sia scambiato nella parte più alta della sua gamma di prezzi recenti, verrà mostrata una lettura dell’indicatore tecnico che indica condizioni di ipercomprato.

Analogamente, una lettura fondamentale di ipercomprato si osserva quando l’asset in questione è scambiato all’estremità dei suoi rapporti fondamentali. Tuttavia, ciò non implica che l’attività debba essere venduta. Il messaggio è solo un avvertimento a indagare su ciò che sta accadendo.

I potenziali svantaggi dell’utilizzo delle letture di ipervenduto

Alcuni trader hanno l’errata convinzione che una condizione di ipervenduto costituisca un’indicazione di acquisto. Si tratta più di un avvertimento che di altro. Con queste informazioni, i trader sono in grado di determinare se un’attività è scambiata nella parte inferiore del suo recente intervallo di prezzi o se è scambiata con un rapporto fondamentale inferiore a quello che generalmente ha.

Questo non significa che l’attività debba essere acquistata. Numerosi titoli azionari che continuano a scendere sembrano essere poco costosi fino in fondo. Questo può accadere perché la maggior parte delle letture di ipervenduto derivano dalle performance precedenti. Un’azione o un’altra attività può continuare a essere venduta anche se, secondo gli standard storici, sembra essere a un prezzo basso. Ciò è dovuto al fatto che gli investitori possono vedere il futuro dell’azienda o dell’attività come poco roseo.

È possibile che un’azione o un’altra attività rimanga in ipervenduto per un periodo di tempo considerevole prima che il prezzo inizi a salire, anche se l’azione o l’attività è un acquisto solido. Questo è il motivo per cui molti trader tengono d’occhio le letture di ipervenduto. Ma aspettano che il prezzo inizi a muoversi verso l’alto prima di effettuare un acquisto basato sull’indicazione del segnale di ipervenduto.

Conclusioni

Le informazioni che possiamo ricavare da indicatori di momentum come il relative strength index (RSI), quindi se un asset presenta condizioni di ipercomprato o ipervenduto, possono essere un’importante confluenza nella nostra decisione di trading. L’aspetto fondamentale da tenere sempre a mente però è che si tratta appunto di una informazione parziale. Va quindi usata come confluenza per validare una nostra ipotesi operativa basata su altre rilevazioni e ragionamenti. Oppure come trigger per passare all’azione in un piano già preparato su altre basi e che aspettava solo una variazione del momentum per venire innescato.

Non dimentichiamo che gli indicatori sono utili e mostrano il massimo della loro efficacia solo ed esclusivamente in combinazione tra loro e all’interno di una più grande strategia operativa. Provare a operare solo con informazioni limitate o prendere decisione basate su un solo indicatore o pattern che riconosciamo, è la strada più veloce per vedere il proprio conto andare inesorabilmente verso lo zero.

 

*NB: Le riflessioni e le analisi condivise sono da intendere ad esclusivo scopo divulgativo. Quanto esposto non vuole quindi essere un consiglio finanziario o di investimento e non va interpretato come tale. Ricorda sempre che le scelte riguardo i propri capitali di rischio devono essere frutto di ricerche e analisi personali. L’invito è pertanto quello di fare sempre le proprie ricerche in autonomia.