Market-If-Touched (MIT) e Order-Sends-Order (OSO): la guida definitiva

Un ordine condizionato viene definito ordine market-if-touched (MIT) quando si trasforma in un ordine di mercato quando un titolo raggiunge un determinato prezzo, anche se lo fa solo per un periodo di tempo minimo.

Quando si utilizza un ordine di acquisto market-if-touched, il broker attende che il titolo raggiunga il livello indicato prima di acquistare l’attività. Questo per evitare potenziali perdite. Un ordine di vendita market-if-touched farà scattare un ordine di vendita al mercato quando il titolo raggiunge un determinato prezzo di vendita prima che l’ordine venga attivato.

ordini trading
Adobe Stock

Il prezzo effettivo di esecuzione dell’ordine di mercato fluttuerà a seconda della liquidità del mercato, nonostante sia stato stabilito un prezzo per il collocamento dell’ordine di mercato. Nel momento in cui vengono attivati, gli ordini di mercato accettano qualsiasi prezzo disponibile; pertanto, potrebbero non riempirsi al prezzo indicato.

Un ordine market-if-touched (MIT) è un tipo di ordine di mercato che si attiva se e quando viene raggiunto un particolare livello di prezzo definito.Nella maggior parte dei casi, gli ordini MIT vengono utilizzati per acquistare un titolo quando il prezzo è in calo o per vendere un titolo quando il prezzo è in aumento.

A differenza degli ordini con limite di prezzo, gli ordini di mercato sono più soggetti a slittamento, il che potrebbe comportare un prezzo di riempimento inferiore a quello previsto.

Ordini Market-If-Touched (MIT) e i termini correlati

Attraverso l’uso di un ordine market-if-touched, gli investitori sono in grado di acquistare o vendere un titolo a un prezzo predeterminato senza dover monitorare attivamente il mercato. Pur essendo paragonabili agli ordini stop, gli ordini MIT hanno un’azione di acquisto o di vendita opposta a quella degli ordini stop. A titolo di esempio, un ordine buy MIT prende in considerazione la possibilità che il prezzo di un asset diminuisca, mentre un ordine buy stop si attiva quando il valore di mercato del titolo supera una determinata soglia.

Supponiamo che il prezzo attuale di un’azione sia di dieci dollari. Tenendo conto della vostra ricerca, il titolo sarà sottovalutato a un prezzo di 8,00 dollari per azione. È possibile piazzare un ordine per il MIT a un prezzo di 8,00 dollari per azione. Nel caso in cui il prezzo scenda a $8,00 o al di sotto, che è il prezzo di attivazione, verrà emesso un ordine di acquisto sul mercato che verrà eseguito al prezzo considerato migliore al momento.

È possibile che il prezzo sia 8 dollari. Alcuni esempi di valori possibili sono 8,02 dollari, 8,10 dollari e 7,90 dollari. Ciò indica che siete in grado di effettuare investimenti vicini al prezzo “sottovalutato” senza dover monitorare continuamente il mercato.

Strategie di acquisto basate su Ordini Market-If-Touched (MIT)

Al fine di capitalizzare i cambiamenti di prezzo repentini o imprevisti, gli ordini market-if-touched (MIT) sono progettati per essere eseguiti. La combinazione di questi tipi di ordini con ordini stop o limitati consente di coprire tutte le circostanze in cui si desidera acquistare o vendere azioni in base a un prezzo di attivazione.

È possibile che i trader che si concentrano sulle tendenze a breve termine aspettino che il prezzo raggiunga un livello di supporto significativo prima di iniziare una posizione lunga. In questo scenario, hanno la possibilità di implementare un ordine di acquisto di mercato (MIT) al livello di supporto, che causerà l’invio automatico di un ordine di acquisto di mercato ogni volta che il prezzo raggiunge il livello di supporto. Nel caso in cui il prezzo non superi la soglia stabilita, l’ordine non verrà eseguito e non ci sarà alcuno scambio.

Per hi sono adatti gli ordini Market-If-Touched (MIT)

C’è la possibilità che gli investitori a lungo termine stiano aspettando che il prezzo raggiunga una determinata cifra che lo consideri “sottovalutato”. In questo scenario, potrebbero decidere di inserire un ordine di acquisto sul mercato (MIT) a quel prezzo, che farebbe scattare automaticamente un ordine di acquisto sul mercato ogni volta che il prezzo raggiunge il livello di prezzo che considerano conveniente.

Come illustrano gli esempi citati, gli ordini market-if-touched sono spesso utilizzati insieme a una serie di tecniche di ricerca fondamentale e tecnica che aiutano a determinare un prezzo critico di attivazione sul mercato. Non appena tale prezzo viene raggiunto, il tipo di ordine esegue un ordine di mercato. Questo è vantaggioso per coloro che gestiscono una serie di possibilità o per coloro che non sono facilmente raggiungibili per eseguire manualmente le transazioni.

Ordini Market-If-Touched (MIT) e slippage

Per ogni ordine di mercato esiste la possibilità di uno slippage. Lo slippage si verifica quando un ordine viene consegnato a un prezzo diverso da quello previsto. Consideriamo il seguente scenario: un trader decide di vendere un’azione poco scambiata a un prezzo di cinquanta dollari. È possibile che vi sia un divario significativo tra il prezzo di domanda e il prezzo di offerta se la società non è generalmente oggetto di un’elevata quantità di scambi.

Supponiamo che l’offerta sia di 50 dollari e l’offerta di 49,80 dollari.

Nel caso in cui un altro acquirente effettui un acquisto dall’offerta a 50 dollari (toccata), scatterà l’ordine di vendita del MIT.Trattandosi di un ordine di mercato, cercherà l’offerta più vicina per venderla.In questo scenario, l’ordine verrà eseguito a 49,80 dollari, presumendo che la quantità dell’offerta, pari a 49,80 dollari, sia uguale o superiore all’importo dell’ordine di vendita.

Ordini Market-If-Touched (MIT) in vendita e acquisto

Nel caso in cui l’ordine di vendita sia superiore all’importo offerto a 49,80 dollari, l’ordine di mercato acquisterà tutte le azioni a quel prezzo e poi procederà alla ricerca di azioni da vendere a prezzi inferiori. L’offerta successiva potrebbe essere di 49,71 dollari. È possibile che l’ordine di vendita venda anche a queste offerte, con l’obiettivo di completare i requisiti dell’ordine di vendita rimanente. Fino al momento in cui l’ordine di vendita non sarà soddisfatto, il processo procederà, durante il quale si cercheranno nuove azioni a cui vendere a prezzi inferiori.

È possibile che si verifichi la stessa cosa durante l’acquisto, quando il trader finisce per acquistare a un prezzo superiore al suo prezzo di attivazione durante la fase di acquisto.

Il trader può anche sperimentare un miglioramento del prezzo del suo ordine, che lo porterebbe a guadagnare un prezzo medio migliore del prezzo di attivazione. Questa è un’altra possibilità. Nel caso in cui il prezzo sfondi il prezzo di attivazione, questa è una possibilità.

Un ordine Market-If-Touched (MIT) nella pratica

Quando il titolo tornerà in negoziazione il giorno successivo, l’ordine di mercato verrà eseguito, e c’è la possibilità che ottenga un prezzo di riempimento molto più alto del prezzo di attivazione. Un ordine Market-If-Touched per l’acquisto di un titolo è un esempio di ordine
Supponiamo che un trader esamini un grafico di Meta (META), e decida di entrare nel titolo se il prezzo scende al di sotto di 130,00 dollari. Ha la possibilità di piazzare un ordine limite, che risulterà in un’offerta di 130 dollari e sarà eseguito solo a un prezzo non superiore a 130 dollari.

Senza che l’ordine limite a $130 venga eseguito, il nostro trader non vuole correre il rischio che il prezzo raggiunga $130 e poi salga di più dopo aver superato tale soglia.Pertanto, decide di piazzare un MIT con un prezzo di attivazione di 130 dollari.Il MIT attiverà l’emissione di un ordine di acquisto sul mercato, accettando qualsiasi prezzo possa ottenere, se il prezzo raggiunge i 130 dollari, che è il prezzo al quale viene eseguito un singolo ordine. È possibile che l’offerta sia di 130,10 dollari quando si raggiungono i 130 dollari; in questo scenario, l’ordine di acquisto sul mercato sarà eseguito a 130,10 dollari.

Per quanto riguarda la componente dell’ordine di mercato del MIT, è chiaro che il trader ha fretta di entrare nel mercato.Quando il prezzo di attivazione viene raggiunto, non vuole perdere l’opportunità. È possibile che paghi un prezzo marginalmente superiore a quello di una persona che utilizza un ordine limite, ovvero 130 dollari.Sebbene l’ordine MIT abbia una probabilità leggermente superiore di essere eseguito rispetto all’ordine limite, questo è il compromesso che ne deriva.

Market-If-Touched (MIT) Order
Adobe Stock

Che cos’è un order-sends-order (OSO/OTO)

Un order-sends-order (OSO), che è anche ampiamente definito come ordine che innesca un altro ordine (OTO), è un insieme di ordini condizionati che stabilisce che se un ordine viene eseguito (l’ordine primario), gli altri ordini vengono automaticamente inseriti (l’ordine o gli ordini secondari). Molti altri tipi di ordini OSO/OTO, come ad esempio gli ordini a parentesi e i metodi di take-profit, sono esempi di questi tipi di ordini.L’utilizzo degli ordini OSO/OTO è una strategia che i trader esperti utilizzano per ridurre il rischio e garantire i guadagni.

Si può fare una distinzione tra gli ordini OSO e gli ordini di annullamento degli ordini (OCO), che annullano ulteriori ordini invece di attivarli. Gli ordini OCO sono talvolta indicati come ordini che annullano gli altri.

Cosa sono Ordine-Trigger-Other (OTO), o order-sends-order (OSO)

I partecipanti al mercato hanno la possibilità di costruire punti di entrata e di uscita con un unico ordine utilizzando una condizione di order-trigger-order o di order-trigger-Other. Un esempio potrebbe essere l’immissione di un ordine limit di acquisto su un’azione a un livello inferiore del 5% rispetto al mercato attuale.

L’ordine sarebbe soggetto a una condizione OSO/OTO che prevede che, se il primo ordine viene eseguito, venga inserito un secondo ordine limite di vendita a un livello superiore del 10% rispetto al primo ordine di acquisto. Solo nel caso in cui l’ordine di acquisto venga completato, verrà piazzato l’ordine di vendita, che porterà il broker a stabilire automaticamente un livello di take profit1.

Nel caso in cui l’ordine originale venga cancellato, anche l’ordine secondario verrà immediatamente eliminato. Tuttavia, nel caso in cui un ordine secondario venga cancellato, l’ordine primario non ne risentirà e continuerà a funzionare come un ordine regolare.
Esiste anche la possibilità di utilizzare una condizione OSO/OTO per limitare le perdite.

A cosa servono gli ordini OSO/OTO

Supponiamo che il trader operi con lo stesso limite di acquisto, fissato al 5% al di sotto del prezzo di mercato corrente. Quando l’ordine viene completato, l’ordine che si attiva può essere un ordine di stop-loss a un livello del 10% inferiore a quel prezzo. Questo consentirebbe di chiudere immediatamente la posizione in caso di crollo del mercato.

Il criterio da rispettare in queste circostanze è quello di avviare un ordine aggiuntivo.Tuttavia, è possibile aggiungere livelli a questi criteri e renderli più complicati. Ad esempio, l’ordine a parentesi, di cui si parlerà più dettagliatamente in seguito, è una condizione che viene classificata come condizione di ordine-prompts-due perché contiene un riempimento che innesca due ordini aggiuntivi. Numerosi sistemi di brokeraggio online consentono al trader di attivare il numero di ordini aggiuntivi che ritiene opportuno, in base al proprio piano di trading.

L’ordine one-triggers-a-one-cancels-the-other (OTOCO) è una variante di questo tipo di condizione che si verifica quando vengono attivati due ordini, in modo simile a come funziona una condizione over-the-top (OTT). Tuttavia, nel caso in cui uno dei secondi ordini venga successivamente soddisfatto, l’ordine rimanente è soggetto a cancellazione.

Alcuni esempi di ordini OSO/OTO

Un ordine di acquisto legato a un ordine limite di vendita e a un ordine di stop di vendita viene definito ordine di acquisto a scaglioni.Questi ultimi due ordini secondari vengono archiviati automaticamente dopo il completamento dell’ordine di acquisto iniziale. Sia l’ordine sell limit che l’ordine sell stop, noto anche come ordine stop loss, hanno un prezzo superiore all’ordine di acquisto.

L’ordine limite di vendita ha un prezzo superiore a quello dell’ordine di acquisto.Con questa particolare implementazione di un OSO/OTO, il trader ha stabilito i guadagni e le perdite massimi realizzabili per la sua posizione.Va da sé che gli ordini secondari non vengono mai immessi nel sistema se l’ordine di acquisto iniziale non viene eseguito per qualsiasi motivo. Se si dovesse piazzare un ordine di vendita con limite, i requisiti sarebbero gli stessi, ma al contrario.

Un ordine limite viene inserito da un trader per acquistare un determinato titolo, che è un altro tipo di OSO/OTO. Se questo ordine principale viene eseguito, causerà l’emissione di uno o più ordini limite secondari, che consentiranno l’acquisto di più titoli, magari appartenenti alla stessa industria o settore. L’inserimento di ordini limite di vendita o di ordini stop di vendita su uno o più di questi titoli può essere incluso in questo OSO/OTO, proprio come nell’esempio dell’ordine di acquisto a scaglioni presentato in precedenza in questa introduzione.In questo caso, il trader può prevedere che quando un titolo bellwether diventa un acquisto interessante, lo stesso varrà per i titoli secondari inclusi nell’OSO/OTO. Entrambe le azioni sono considerate titoli secondari.

In sintesi

  • Un order-sends-order (OSO), è un tipo specifico di ordine condizionato in cui il collocamento di uno o più ordini secondari è innescato dall’esecuzione di un ordine principale.
  • Questi ordini condizionati composti, spesso denominati order-triggers-other (OTO), sono un metodo che può essere utilizzato per ridurre le perdite e garantire i guadagni su una nuova posizione azionaria.
  • Esiste anche la possibilità di generare ordini OSO/OTO che capitalizzano il fatto che alcuni titoli sono considerati dei bellwethers per le rispettive industrie o settori.
  • Rispetto a un ordine di annullamento dell’ordine (OCO), che si verifica quando l’esecuzione di un ordine principale annulla uno o più ordini aggiuntivi, un ordine di annullamento dell’ordine può essere considerato l’inverso di un ordine di annullamento dell’ordine (OTO).