Come e perché si utilizzano i derivati nel trading e nell’investimento

L’utilizzo di strumenti derivati come le opzioni e i contratti futures sono un’arma decisamente interessante per coloro che decidono di stare sui mercati finanziare per speculare con il trading o per cercare di estrarre valore dall’apprezzamento dei propri investimenti ed esposizioni in asset negoziati in borsa.

Gli strumenti derivati sono accordi tra le parti che permetto l’acquisto o la vendita di determinate classi di asset potendo fissare in anticipo il prezzo di esecuzione del contratto. Offrono inoltre la possibilità di utilizzare una leva finanziaria, così da poter utilizzare solamente una parte del capitale necessario alle operazioni. Naturalmente, questo tipo di operatività presenta diversi rischi che è doveroso conoscere prima di prendere in considerazione l’inserimento di questi nella nostra strategia di trading o di investimento.

trading derivati investimento
Adobe Stock

Ci sono innumerevoli metodi e strategie per stare sui mercati. In genere gli operatori alle prime armi non fanno altro che comprare e vendere determinati asset come materie prime, azioni, indici o criptovalute, per citarne alcuni. Ma se vogliamo fare un salto di qualità e provare ad approcciarci a strategie e operatività un po’ più complesse, gli strumenti derivati sono la scelta giusta.

I derivati come opzioni e contratti futures sono una scelta intelligente quando vogliamo proteggere le nostre esposizioni o vogliamo programmare l’acquisto o la vendita di un asset in un dato tempo futuro. Questi strumenti però sono più complessi delle semplici operazioni sui mercati spot. Dobbiamo quindi prepararci a dovere capendo il funzionamento di alcuni aspetti come la leva finanziaria e il rischio di controparte che è sempre presente quando utilizziamo contratti derivati.

Per una guida completa alle stock, cosa sono e come si negoziano le azioni sui mercati, quali rischi e opportunità comportano e come possiamo partire con il piede giusto evitando gli errori più frequenti, corri a leggere la nostra guida:
Cosa sono le azioni: guida al trading nello stock market

Quali sono le scelte disponibili quando vogliamo fare trading usando i contratti derivati

Un contratto future e un contratto di opzione sono entrambi accordi tra due parti per l’acquisto o la vendita di un’attività a una data futura prestabilita a un prezzo specifico. A tal proposito, un contratto di opzione è abbastanza simile a un contratto future, seppur presenti delle sostanziali differenze. La principale distinzione tra opzioni e futures sta nel fatto che, nel caso delle opzioni, l’acquirente non è tenuto a rispettare i termini dell’accordo di acquisto o vendita dell’attività sottostante. Si tratta semplicemente di una possibilità, non di un obbligo come in altri casi, ad esempio i futures. Le opzioni, proprio come i futures, possono essere utilizzate come strumenti di copertura o a fini speculativi sul prezzo dell’attività sottostante.

Il momento in cui si avrà il diritto di acquistare o vendere l’attività sottostante dipende dallo “stile” dell’opzione.I titolari di un’opzione americana hanno la possibilità di esercitare i loro diritti di opzione in qualsiasi momento fino al giorno di scadenza dell’opzione. Un’opzione europea può essere esercitata solo nel giorno in cui è prevista la scadenza dell’opzione.

La maggior parte dei titoli azionari e dei fondi negoziati in borsa hanno opzioni strutturate in stile americano, mentre gli indici azionari, come l’S&P 500, hanno opzioni strutturate in forma europea.Immaginiamo che un investitore abbia 100 azioni di un titolo che attualmente viene venduto a 50 dollari l’una. È convinto che il valore dell’azione aumenterà nei prossimi anni. Tuttavia, poiché l’investitore è preoccupato dalla possibilità di subire perdite, decide di tutelarsi acquistando un’opzione. L’investitore ha la possibilità di acquistare un’opzione put, che gli conferisce il diritto di vendere 100 azioni della società sottostante a un prezzo di 50 dollari per azione (detto anche prezzo di esercizio) fino a un certo giorno futuro (detto anche data di scadenza).

L’utilizzo dei contratti derivati nella pratica

Supponiamo che il prezzo del titolo scenda a 40 dollari per azione prima della scadenza dell’opzione e che l’acquirente dell’opzione put decida di eseguire l’opzione e vendere le azioni al prezzo di esercizio originale di 50 dollari per azione.Se l’investitore ha speso 200 dollari per acquistare l’opzione put, l’unica somma di denaro che ha perso è il costo dell’opzione stessa, perché il prezzo di esercizio era lo stesso del prezzo dell’azione al momento dell’acquisto iniziale dell’opzione put. Poiché protegge l’investitore dal potenziale ribasso del titolo, questo tipo di tecnica è nota come protective put.

In alternativa, immaginiamo che l’investitore in questione non detenga il titolo che ora è valutato a 50 dollari per azione.È ottimista sul fatto che il suo valore aumenterà nel corso del mese successivo. L’investitore ha la possibilità di acquistare un’opzione call, che gli conferisce il diritto di acquistare l’azione al prezzo di esercizio di 50 dollari prima o dopo la scadenza dell’opzione.

Supponiamo che il costo di questa opzione call sia stato di 200 dollari e che il titolo sottostante sia salito a 60 dollari prima della scadenza. L’acquirente può ora esercitare l’opzione per acquistare le azioni al prezzo di esercizio di 50 dollari, con un profitto iniziale di 10 dollari per azione. Il titolo è attualmente valutato a 60 dollari per azione.Poiché un’opzione call equivale a 100 azioni, il profitto effettivo è di 1.000 dollari dopo aver dedotto il premio, che è il costo dell’opzione, e i costi delle commissioni di intermediazione.

Cosa succede quando si completa una operazione con contratti derivati

Se gli acquirenti decidono di adempiere ai loro obblighi contrattuali, i venditori sono tenuti a rispettare la loro parte dell’accordo in entrambi gli scenari. Tuttavia, se il prezzo di un’azione è superiore al prezzo di esercizio alla scadenza dell’opzione, la put sarà priva di valore e il venditore (noto anche come autore dell’opzione) potrà trattenere il premio anche se l’opzione non sarà più valida. Se il prezzo dell’azione alla scadenza è inferiore al prezzo di esercizio, l’opzione call sarà priva di valore e il venditore avrà diritto a trattenere il premio.

A cosa servono i derivati e come possiamo utilizzarli nel trading e nell’investimento

Come si evince dai casi citati, i derivati possono essere uno strumento molto utile sia per le aziende che per gli investitori. I contratti derivati possono essere utilizzati per diversi scopi. I principali sono:

  • Bloccare il prezzo di un asset che possediamo o siamo intenzionati a vendere o comprare in futuro
  • Proteggersi da variazioni negative dei tassi di interesse.
  • Ridurre i pericoli associati alle fluttuazioni di mercato o alla volatilità delle quotazioni di determinati asset

Questi vantaggi, facendo uso dei derivati, hanno spesso un costo basso o trascurabile.

In molti casi, i derivati possono essere acquistati anche a margine, il che significa che gli investitori possono prendere in prestito denaro per acquistare questi strumenti finanziari. In questo modo, il costo sostenuto si riduce ulteriormente, oltre a poter impegnare una quota minore di capitale.

Quali sono i rischi principali associati all’utilizzo di contratti derivati per il trading e l’investimento

Poiché il loro valore è determinato dal prezzo di un’altra attività, i derivati sono notoriamente difficili da valutare. Uno dei rischi associati ai derivati over the counter (OTC) è il rischio di controparte, che può essere difficile da prevedere o valutare. La maggior parte dei derivati usati per il trading è soggetta anche ai fattori elencati di seguito:

  • Alterazioni del periodo di tempo rimanente prima della data di scadenza
  • La spesa associata al mantenimento dell’attività sottostante
  • I tassi di interesse

A causa di questi fattori, è impossibile confrontare con precisione il valore di un derivato con il valore dell’attività su cui si basa. Poiché il derivato non ha un valore intrinseco, è suscettibile al sentimento e al rischio di mercato.Il valore del derivato deriva interamente dall’attività sottostante. È possibile che le variabili della domanda e dell’offerta facciano salire e scendere il prezzo di un derivato indipendentemente dal prezzo dell’attività sottostante. Questo fenomeno viene definito arbitraggio della domanda e dell’offerta.

In conclusione, i derivati sono spesso strumenti a leva e l’uso della leva ha conseguenze sia positive che negative.Sebbene abbia il potenziale di produrre un tasso di rendimento più elevato, ha anche l’effetto di accelerare l’accumulo di perdite.

Quali sono i pro e i contro nell’utilizzo di contratti derivati nel trading e nell’investimento

Come tutte le attività, anche l’utilizzo e la negoziazione di contratti derivati sui mercati presenta alcuni vantaggi e certi svantaggi o rischi. I principali di cui dobbiamo preoccuparci sono:

Vantaggi:

  • Bloccare il prezzo di un asset a costi estremamente ridotti.
  • Ridurre l’esposizione al pericolo.
  • Può essere utilizzato per investire in un portafoglio diversificato
  • Consentono un utilizzo della leva finanziaria

Contro:

  • Non si negozia direttamente l’asset che ci interessa e ci sono rischi legati a discrepanze nelle quotazioni
  • Sono strumenti soggetti a rischio di controparte (se OTC)
  • Complicato da comprendere per i principianti e chi muove i primi passi sui mercati finanziari
  • Sono influenzati in larga misura dalle forze di mercato della domanda e dell’offerta
Derivati trading
Adobe Stock

Per una guida completa alla scelta del broker più sicuro e adatto alle proprie esigenze e strategie, oltre ai parametri vitali da valutare nella scelta, corri a leggere il nostro articolo:
Come scegliere il broker per il trading sullo stock market: guida per il 2023

Cosa serve sapere prima di iniziare a utilizzare i derivati

Si dice che il valore di un titolo dipende o deriva da un’attività sottostante se si tratta di un derivato. Un tipo di derivato è un contratto per la consegna futura di petrolio, che deriva il suo valore dal prezzo corrente del petrolio sul mercato.Negli ultimi decenni si è assistito a un aumento della domanda di derivati, che ha portato a un incremento del valore totale dei contratti in essere, che si prevedeva raggiungesse i 610.000 miliardi di dollari al 30 giugno 20213.

I contratti futures, i contratti di opzione e i credit default swap sono alcuni esempi di derivati comuni. Inoltre, esiste una grande quantità di contratti derivati che sono specificamente progettati per soddisfare i requisiti di un’ampia varietà di controparti. Poiché molti derivati sono venduti over the counter (OTC), in realtà possono essere modificati in un numero infinito di modi.

Quali sono i principali vantaggi e svantaggi dell’utilizzo dei derivati nel trading?

L’utilizzo dei derivati può essere un approccio molto pratico per raggiungere i propri obiettivi monetari.Per esempio, una società che voglia proteggersi dal rischio di essere esposta alle materie prime può farlo acquistando o vendendo derivati sull’energia, come i futures sul greggio.

Questa operazione può essere effettuata in diversi modi. L’acquisto di contratti a termine su valute è un altro metodo che una società può utilizzare per proteggersi dal rischio di fluttuazioni valutarie. L’uso dei derivati può anche aiutare gli investitori a sfruttare la leva finanziaria, ad esempio quando acquistano azioni tramite stock option anziché direttamente.

Gli svantaggi principali dell’utilizzo dei derivati nel trading includono il rischio di controparte, i rischi intrinsecamente associati alla leva finanziaria e il fatto che, in determinate situazioni, i complessi intrecci di contratti derivati possono dare origine a problemi sistemici.

In sintesi

  • Il valore di un’attività sottostante, di un insieme di attività o di un benchmark può essere utilizzato per determinare il valore di un derivato, che è un contratto finanziario che può essere stipulato tra due o più parti.
  • Con un derivato si può fare trading over-the-counter o in borsa.
  • I prezzi dei derivati derivano dai movimenti dell’attività su cui si basano.
  • Il fatto che i derivati siano spesso prodotti con leva finanziaria significa che i loro potenziali rischi e benefici aumentano.
  • I contratti futures, i forward, le opzioni e gli swap sono tutti esempi di tipi comuni di derivati.

 

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

*NB: Le riflessioni e le analisi condivise sono da intendere ad esclusivo scopo divulgativo. Quanto esposto non vuole quindi essere un consiglio finanziario o di investimento e non va interpretato come tale. Ricorda sempre che le scelte riguardo i propri capitali di rischio devono essere frutto di ricerche e analisi personali. L’invito è pertanto quello di fare sempre le proprie ricerche in autonomia.